Museo civico Pippo Rizzo

Corleone, Via Orfanotrofio


Il  Museo Civico “Pippo Rizzo” è intitolato al pittore corleonese (1897 -1964) che, affascinato dal movimento Futurista, fondò a Corleone il circolo culturale “Rinnovamento”. Ottenne il suo primo grande successo esponendo alla Biennale di Venezia nel 1926 il suo quadro intitolato "I Lampi".

Ha diretto l’Accademia di Belle Arti di Palermo prima e di Roma poi, e tra i suoi allievi si annovera Renato Guttuso. Nel 1991 il Comune di Corleone acquistava dalla famiglia Provenzano, l'immobile sito in via Orfanotrofio, nel centro storico cittadino. L'edificio risale alla metà del XIX secolo e presenta i caratteri architettonici di un'edilizia alto-borghese sette-ottocentesca tipica dell'epoca. Gli ambienti interni sono tutti con volta a cuscino decorati con stucchi e dipinti e pavimenti in maiolica.

Il Museo raccoglie nei suoi locali tutti i reperti archeologici portati alla luce nel corso degli scavi condotti nel sito archeologico sulla Montagna Vecchia. Vi è esposto il Miliarium, ovvero la pietra che attesta le LVII miglia che separavano Agrigento dal sito. A rendere così prezioso il reperto, unico nel suo genere, è l’epigrafe “Aurelio Cotta Console” che fa risalire il pezzo al 252 a.C. Sono presenti al museo anche reperti risalenti al periodo Paleolitico Superiore e cimeli dell’epopea garibaldina.

Orario di apertura:

tutti i giorni ore 9.30 - 13.00 e 15.30 - 19.30, escluso la domenica pomeriggio

Infoline: tel. 091.8464907